Sono molti i fattori che intervengono in una persona per farle raffigurare le cose partendo da uno stato d’animo.
Imitazioni di modelli familiari, situazioni del passato, credenze, atteggiamenti, ma anche i valori e le esperienze condizionano le rappresentazioni interne che ognuno di noi si fa.

Ciascun individuo interpreta la realtà attraverso vari filtri, tra questi troviamo i famosi sistemi rappresentazionali. Essi sono:

  •  immagini (Visivo)
  •  suoni (Auditivo)
  •  emozioni (Cinestesico)

In genere in ogni persona prevale uno dei tre sistemi e per essere efficaci nella comunicazione è importante individuare la modalità attraverso la quale noi ed i nostri clienti/interlocutori interpretiamo e rappresentiamo la realtà.

Qual è il tuo senso preferito?

Questo punto è molto importante, sia per le presentazioni che, soprattutto, per parlare in seguito.

Devi sapere che non tutti usano i propri sensi allo stesso modo.

Non stiamo dicendo che ci sono persone con un udito più fine o che vedono meglio, ma che il modo in cui utilizziamo i nostri sensi è molto personale.
Tutti gli esseri umani prediligono la vista e gli occhi come primo senso, difatti un’immagine ci “colpisce” molto più di un odore.

Ci resta più impressa nella memoria, diciamo.
Nonostante ciò, esistono tre categorie distinte di persone, a seconda del senso che usano di più.

Eccole:

 

VISIVI – utilizzano la vista come primo senso

Significa che quando pensano, lo fanno per immagini.

Si esprimono con forme e colori, e il loro linguaggio è molto influenzato da questo aspetto.

Per esempio dicono cose come “è una giornata luminosa”, “sono raggiante”, “mi sento di umore nero”.

Utilizzano quindi colori e concetti visivi per descrivere le cose.

Pensando per immagini, parlano molto in fretta e con un respiro accelerato, perché devono dire a parole le cose che hanno in testa, e ogni immagine richiede molte parole per farlo.

Fanno molti gesti, e usano molto le mani e le braccia per descrivere meglio quel che vogliono dire.

 

UDITIVI – Utilizzano più di tutto l’udito.

Ricordano bene le parole, e utilizzano con cura i toni, tanto che il loro modo di parlare risulta spesso monocorde, come una cantilena, a volte noiosa per chi non ha questa modalità.

Pensando per suoni e parole, utilizzano parole che si rifanno ad esse, come “oggi sento le campane!”, “non mi suona per niente”, “hai sentito la tv?”.

Il loro modo di parlare è più pacato di quello dei visivi, e la loro respirazione più calma. Fanno pochi gesti, e di solito non esagerano nel farli.

CINESTESICI – Si rifanno ai sensi minori e alle sensazioni.

Parlano molto più lentamente e a volume più basso, soprattutto dei visivi, perché pensano per sensazioni, e ci vuole molto tempo per riuscire a descriverle a parole.

Il loro modo di parlare è influenzato dai sensi minori, come olfatto, tatto, gusto quindi dicono cose come “sei un vero duro”, “c’è puzza di bruciato!”, “è una persona molto dolce”.

Il loro respiro è molto più calmo e tranquillo di quello degli altri tipi, e fanno pochissimi gesti, spesso solo auto contatti.

Quando ti presenti, è bene ricordare tutto questo e fare una mescolanza di parole e ritmi.

Per un visivo, un cinestesico è troppo lento e un auditivo noioso.

Per un auditivo, il visivo urla troppo e il cinestesico parla troppo basso.
Per il cinestesico, il visivo è esagitato e l’auditivo ripetitivo.
Oltre a questo, ricorda che le donne sono in media più cinestesiche degli uomini.

Vuol dire che una donna visiva sarà comunque più affettuosa di un uomo visivo, e che una cinestesica è il massimo in questo senso.

I vari Paesi hanno diverse percentuali di visivi, auditivi e cinestesici.

Se vuoi saperne di più sulla PNL, puoi iscriverti alla mia mailing list.
Non lo hai ancora fatto? Fallo ora ===> Iscriviti alla Newsletter <===

Il lavoro può darci un’indicazione di massima sul tipo anche senza aver ancora parlato con l’altro.

Sportivi e artisti sono in genere cinestesici, scienziati logici (fisici, matematici) sono quasi sempre auditivi e manager e modelle di solito visivi.

Quando incontri qualcuno con un’altra tipologia rispetto alla tua, adattati il più possibile, usa parole del suo vocabolario per renderti più simpatico, termini auditivi, visivi o cinestesici, e parla alla loro velocità e con i loro metodi.

 

Se vuoi approfondire l’argomento, ti aspetto al mio prossimo corso PNL
chiama gratis il numero verde 800 032 882 oppure scrivi a info@formaementis.net

Avrò il piacere di seguirti di persona durante tutto il percorso, per questo ho scelto il numero chiuso, massimo 10 persone.

La rifrequenza è sempre gratuita – Attestato finale

 

 

 

Per approfondimenti

 

 

Acquista online

Costruisci il Tuo Successo M.A.D.E.

Contenuto del libro:

Se raggiungere i propri obiettivi sembra impossibile, un traguardo riservato a pochi “eletti” dotati di capacità speciali, questo è il libro giusto per cambiare idea.

Passo dopo passo, l’autore analizza i fattori che spingono le persone ad auto limitarsi: la paura di prendere decisioni, la convinzione – errata – che solo pochi possano ottenere quello che vogliono nella vita, la mancanza di organizzazione per raggiungere le proprie mete.

Con un percorso lineare e progressivo, l’autore spiega le teorie utilizzate nei suoi corsi permigliorare il rapporto con il nostro inconscio ed i reali desideri della nostra mente.

 


 

 

Acquista online

Comunicare con la PNL

Per avere successo nel lavoro con la PNL e le tecniche di comunicazione non verbale

Oggi si lavora freneticamente: con smart phone, e-mail, ipad e così via. Cresce la tecnologia, ma si riduce la capacità di comunicare! E così facendo si logorano i rapporti tra le persone, che finiscono per odiare il proprio mestiere e i propri colleghi.

Comunicare con la PNL vi insegnerà a comprendere gli altri per comunicare davvero e al meglio. Per avere successo nel vostro lavoro (e non solo).

Se migliora la comunicazione, migliorano le relazioni con gli altri. E se i rapporti con gli altri si sciolgono, si ottengono sia benefici diretti (come riuscire a lavorare meglio e di più, o ottenere aumenti di stipendio), sia benefici indiretti (ad esempio, si potrà godere della compagnia dei colleghi e vivere con più serenità).

Con questo libro:

  • potrete scoprire i sistemi più pratici e utili per capire i vostri colleghi, compresi quelli del sesso opposto;
  • riuscirete a interpretare il linguaggio del corpo e a presentarvi nel modo più corretto ed efficace;
  • imparerete a capire chi avete davanti – italiano o straniero che sia – per evitare gaffe e poter sfruttare meglio la situazione.