Author: fabio Pandiscia (page 1 of 9)

Se il destino dell’uomo è annegare… annegherà anche in un bicchiere d’acqua

Nella vita di tutti noi sono esistiti e continueranno ad esistere momenti “particolari”: i momenti in cui decidiamo cosa fare.

Riguardano ogni cosa, dalle più semplici come “quali vestiti indosserò oggi?

Cosa decido di mangiare a cena?” fino ad arrivare alle più complesse: Cambiare città, sposarsi, avere un figlio, cambiare lavoro, ecc.

Tutti noi quindi decidiamo continuamente, ogni giorno, a volte senza neanche accorgerci di come e quando lo facciamo.

Non esistono persone che non decidono; magari esistono persone che decidono con difficoltà, ma non è possibile non decidere, cosi come non è possibile non avere dei cambiamenti nel corso della nostra vita.

La difficoltà nel prendere una decisione è a volte sinonimo di “paura del cambiamento”, ma anche se non intraprendiamo nessuna azione, alla fine cambieremo, volenti o no.

E’ un argomento che tratto spesso nelle newsletter quindi se mi segui da un pò, già sai di cosa sto parlando.
Come?
Non sei ancora iscritto?
Fallo ora, clicca qui per iscriverti alla newsletter

Non è questione di “destino“, il destino lo creiamo noi e lo conformiamo alla nostra realtà con vari frasi o proverbi che funzioneranno come vere e proprie credenze. Continue reading

Comunicazione. Terminologie attivanti e tecniche ipnotiche

download (1)

Quando dobbiamo parlare con un paziente o un cliente, esiste un modo per rafforzare le immagini che andremo a creare nella sua mente?

Certo che si!

Possiamo rafforzare le immagini che si vanno a formare nella mente dei nostri interlocutori, o anche nella nostra mente, con l’uso di una terminologia specifica, la quale renderà la nostra comunicazione molto più persuasiva.

Quando parliamo di comunicazione persuasiva intendiamo un tipo di comunicazione tesa ad avere un certo
impatto sull’interlocutore: in questo senso la pubblicità stessa può essere un valido esempio di
comunicazione persuasiva.

Alcuni aspetti di questo tipo di comunicazione si basano su terminologie denominate “attivanti”,
del tipo “Ora che state leggendo queste parole, potete provare interesse per quello che stiamo dicendo”.

In questo modo, inserendo nelle frasi delle istruzioni di processo (provare interesse), suggerisco uno
stato d’animo in chi legge.

Continue reading

Le scelte si fanno in pochi secondi e si scontano per tutta la vita

Nella vita di tutti noi sono esistiti e continueranno ad esistere momenti “particolari”: i momenti in cui decidiamo cosa fare.

Riguardano ogni cosa, dalle più semplici come “quali vestiti indosserò oggi? Cosa decido di mangiare a cena?” alle più complesse: Cambiare città, sposarsi, avere un figlio, cambiare lavoro, ecc.

Tutti noi quindi decidiamo continuamente, ogni giorno, a volte senza neanche accorgerci di come e quando lo facciamo.

Non esistono persone che non decidono; magari esistono persone che decidono con difficoltà, ma non è possibile non decidere, cosi come non è possibile non avere dei cambiamenti nel corso della nostra vita.

La difficoltà nel prendere una decisione è a volte sinonimo di “paura del cambiamento”, ma anche se non intraprendiamo nessuna azione, alla fine cambieremo, volenti o no.

Continue reading

[video] Possibile smascherare un bugiardo?

Possiamo in meno di un secondo, capire quale emozione sta provando il nostro interlocutore?
E’ possibile sapere se una persona ci sta mentendo o no?

Sappiamo che chi sta dicendo una bugia si tradirà, con un qualche segnale del corpo. L’inganno si sviluppa non solo attraverso l’atto verbale della menzogna, ma anche attraverso comportamenti tesi ad incidere sulle conoscenze, motivazioni, aspettative dell’interlocutore.

Se vogliamo interpretare questo punto di vista, possiamo dire che l’omissione di informazioni non è tanto una menzogna, quanto un inganno.

La menzogna è un comportamento naturale, e compare molto precocemente nel repertorio comportamentale dell’essere umano, senza che esso sia sottoposto ad uno specifico apprendimento.

Il camuffamento della realtà, è un apprendimento che abbiamo appreso durane la nostra evoluzione, possiamo dire che la menzogna sta all’uomo come il mimetismo agli animali, e se seguiamo il ragionamento di Darwin possiamo affermare che se la menzogna ha resistito fino ad oggi, significa che è funzionale al nostro adattamento.

Continue reading

Body Language Training – Riconoscere il disprezzo

Questo articolo fa parte di una piccola rubrica dedicata esclusivamente ai casi pratici sull’analisi del linguaggio del corpo e micro-espressioni facciali, il suo scopo è fare un pò di esercitazioni pratiche.

Questi esercizi fino a poco tempo fa, li condividevo via mail solo con i partecipanti ai miei corsi, per aiutarli a restare “allenati” nel riconoscimento di alcuni segnali non verbali e sul mio blog aziendale formaementis, in un’apposita rubrica.

Siete veramente in tanti a seguire la mia newsletter e ogni giorno si aggiungono altre persone, il minimo che posso fare è continuare a dare contenuti di qualità per mantenere alti gli standard.

Continue reading

Linguaggio del corpo: Emblemi – L’uso del dito medio

In questo articolo parliamo della famosa USS Pueblo (AGER-2).

Cosa significa questa sigla?

La USS Pueblo è stata una nave della United States Navy, (l’ultima foto della nave risale al 2012 ed è quella che ho messo in alto, in evidenza nel post), dapprima usata come cargo ausiliario leggero (light auxiliary cargo – AKL), poi dal 1967 per spionaggio elettronico.

Il 5 gennaio 1968 iniziò la sua prima missione come nave-spia diretta verso le coste coreane, per effettuare ricognizioni accurate sull’attività sovietica nell’area.

A bordo erano anche state installate due mitragliere ma vista da fuori sembrava un piccolo cargo disarmato.

Intercettata, tentò di fuggire dirigendosi a tutta velocità lontano dalle coste della Corea del Nord, ma l’inseguimento che durò circa due ore costrinse il Comandante Lloyd Bucher, a ordinare l’arresto immediato dei motori.

Catturata, la nave-spia venne condotta nel porto di Wonsan, mentre l’intero equipaggio fu internato in un campo di concentramento per prigionieri di guerra.

Ed è qui che per noi, è importante questa storia.

Continue reading

Sei un procrastinatore? Qualche consiglio per smettere

Una ricerca olandese (vedi il link) dice che il 95% delle persone sono procrastinators cronici.
E allora mi domando, il restante 5% cosa sono?
 

Bugiardi?

E’ una domanda lecita, in effetti TUTTI procrastiniamo, solo che ad alcuni riesce meglio di altri.
Tutti abbiamo i nostri piccoli motivi per procrastinare, le scuse che diciamo a noi stessi sono tante:
  • “Ho questo progetto di lavoro in questo momento, però prima, dovevo assolutamente finire quel puzzle che mi porto dietro da tempo.”
  • “Le mie tasse scadono domani, però mi conviene prima pulire la cucina; c’è un disastro totale”
  • “Devo pubblicare questo articolo. Ma prima, mi vedo la mia puntata preferita in TV “


E possiamo continuare all’infinito, è come essere su un treno in corsa chiamato “procrastinazione” dal quale non ci conviene scendere perchè in qualche modo ci fa restare in quella che viene comunemente chiamata “zona di comfort“.

Fino a quando dura questa corsa?

Beh è facile dirlo, fino a quando ci troviamo faccia a faccia con la scadenza e decidiamo di scendere dal treno per fare ciò che deve esser fatto, ma non è il momento migliore per farlo.

Stress, mancanza di tempo, il non avere un’altra occasione perché magari le altre date per fare ciò che andava fatto ce le siamo già giocate, non ci permettono di fare serenamente il nostro lavoro.

Continue reading

Come reagisce una persona accusata di tradimento

I tradimenti non piacciono a nessuno, minano la fiducia nella coppia e lasciano sempre delle ferite che non si rimarginano completamente.

A volte sentiamo frasi del tipo «Mi tradiva e non lo sapevo, non avevo avvertito nessun segno, nessun sospetto, per me è stato uno shock».

Non può essere.

Forse siamo troppo presi da impegni quotidiani, forse non ascoltiamo abbastanza le persone a noi vicine, i loro bisogni, forse siamo troppo concentrati sui figli o su noi stessi,  l’unica cosa certa è che un tradimento non arriva mai all’improvviso!

I segnali di infedeltà sono sempre forti e chiari, solo che all’inizio si evitano di cogliere,  vogliamo non vedere, preferiamo rimuovere tali dubbi, ma alla fine arriva il conto.

Facile dire col senno di poi, in effetti… quella volta …. un certo dubbio mi era sorto…

Troppo tardi!

Continue reading

5 modi per difenderti da manipolazioni mentali e mezze verità

Sei appena entrato in ufficio, hai acceso il computer per dare una sbirciata veloce alla posta e…

non sai come è accaduto ma…

…sono passate 2 ore, hai letto con grande successo vagonate di articoli che poi ti sei pentito di aver letto, ed ora hai quella sensazione frustrante di aver perso solo tempo.

Quante volte ti è accaduto?

A me questa mattina!

E visto che sono una persona che NON ama perdere il suo tempo, ho pensato a cosa di utile ne potevo trarre.

Quindi, dopo qualche riflessione, qualche spoverata a vecchi libri di psicologia, ecco qui il mio nuovo post.

Continue reading

Alla scoperta dei Metaprogrammi

Il nostro sistema mentale è organizzato in modo molto efficiente.

Talvolta troppo, tanto che finiamo per avere problemi di “flessibilità” a capire gli altri.

Infatti, quando la “realtà” finisce per essere incasellata in precisi spazi, ogni cosa diventa ristretta e unica.
Il vantaggio di avere delle categorie mentali, quindi, finisce per essere controproducente.

Un esempio molto utile di tutto ciò sta nei cosiddetti metaprogrammi.

Sapevi che il tuo cervello funziona per programmi precisi?
Proprio così, è come un computer – anche se molto più complesso di qualsiasi macchinario costruito dagli esseri umani – e il software ne decide le capacità.

Continue reading

Older posts

© 2020 FABIO PANDISCIA

×
invia un messaggio