Ansia e modo di camminare

In un recente studio, sembra che le persone sofferenti di ansi,a hanno più attività neuronale nella parte destra del cervello, inducendole a camminare in una traiettoria che tende verso sinistra.

Una ricerca guidata dal dottor Mario Weick della School of Psychology dell’Università del Kent, ha collegato per la prima volta l’attivazione dei due emisferi del cervello, con gli spostamenti laterali nelle traiettorie del cammino delle persone.

Lo studio ha cercato di capire il perché gli individui tendono a camminare in modo diseguale nello spazio.  Nello specifico, chi si sente particolarmente ansioso sarebbe più predisposto a spingersi a sinistra.

Le persone durante l’esperimento sono state bendate, ed è stato chiesto loro di camminare in linea retta attraverso una stanza, verso un obiettivo visto in precedenza.

E’ stato notato che quelli che avevano ammesso di soffrire d’ansia, tendevano ad andare verso sinistra, a differenza degli altri che, invece, riuscivano a mantenere la loro traiettoria o ad andare leggermente verso destra.

Questa scoperta potrà forse aiutare gli ansiosi a tornare sulla “retta via”, ma soprattutto potrà avere ricadute sul trattamento di un particolare disturbo della cognizione dello spazio, noto come “negligenza spaziale unilaterale”: le persone che ne sono colpite dopo una lesione all’emisfero cerebrale destro, hanno difficoltà ad esplorare lo spazio che si trova alla loro sinistra e, viceversa, coloro che hanno subìto un danno nella parte sinistra del cervello hanno difficoltà a percepire gli stimoli provenienti da destra.

 

Secondo gli psicologi autori dello studio, i pazienti che hanno problemi nell’emisfero cerebrale sinistro potrebbero trarre qualche beneficio da interventi mirati a liberare il cervello dalle “catene” dell’ansia.

************************************************
Non sei ancora iscritto alla mia newsletter?
Allora clicca qui sotto
===> Iscriviti alla Newsletter <===
************************************************

Questa è la prima volta uno studio stabilisce un chiaro legame tra ansia e attivazione della parte destra del cervello.

I risultati possono avere implicazioni per il trattamento di vari sintomatologie. Questo esperimento svela i contributi unici dell’approccio comportamentale e dell’inibizione al bias spaziale laterale ed è stato pubblicato sulla rivista Cognition .

I migliori corsi in Linguaggio del corpo e micro-espressioni facciali li trovi solo presso FormaeMentis group.
Specialisti in linguaggio del corpo – Clicca qui – 


Immagine Seguimi sul canale Telegram, riceverai una notifica sul telefono ogni volta che esce un articolo,
un podcast o un aggiornamento importante sulle mie attività – clicca qui –