lie-detector-1549429Negli ultimi articoli sul linguaggio del corpo ci siamo concentrati molto sui gesti, in quanto sono macroscopici e facili da notare, per tutti.
Ma se siete tipi “auditivi” potreste essere molto portati per identificare le menzogne anche da come si parla.

Esistono modi per rivelarlo?
Sì, anche se sono più complessi.

Come premessa diciamo che è molto difficile mantenere lo stesso tono di voce quando si sta mentendo.

La voce e soprattutto le corde vocali si caricano di tensione durante una bugia, e il risultato sarà una variazione di tono.
Se usiamo un microfono sensibile, si scopre che NESSUNO sa mentire in modo perfetto con la voce.C’è sempre qualche segnale che tradisce la tensione, anche se può essere impercettibile all’orecchio umano.

Questa non ha una “direzione” specifica: c’è chi ha una voce più stridula, e chi al contrario parlerà con un tono più basso.

Vieni a conoscere i segreti del linguaggio del corpo, iscriviti alla mia maling list.

************************************************
Non sei ancora iscritto alla mia newsletter?
Allora clicca qui sotto
===> Iscriviti alla Newsletter <===
************************************************

Una delle cose più da notare è la velocità

 

phone-receiver-1528581Rispondere all’istante è quasi sempre segnale che ci si sia preparati la risposta in anticipo.
Ma anche stare zitti a lungo, o con pause esitanti troppo numerose, è indice che qualcosa non va.

ATTENZIONE: quando una persona si convince che qualcosa è vera, magari solo perché la sente ripetere spesso, diverrà comunque parte della sua realtà.

Se anche un tempo sapeva di dire una bugia, ormai è diventata una cosa reale a tutti gli effetti, e non riuscirà più a distinguerla dalle menzogne.

Il suo corpo e il suo tono assumeranno questa come vera e si comporteranno di conseguenza.truth-257159__180
Le tecniche più semplici per rivelare quando si mente, basandosi solo sull’ascolto, sono:

- far dire al rovescio l’evento di sospetta bugia.
La mente non riesce a processare alla stessa velocità la realtà e la bugia, quindi deve fare uno sforzo cosciente per riuscire a dire una menzogna al contrario.
Si parla di decimi di secondo, non di giorni, ma si nota facilmente la differenza se si fa raccontare una cosa vera a paragone.
- notare le pause.
Quando si mente possono diventare più numerose e con molti suoni di riempimento (come “ehmmm…” o “aaahh…”).
Questo è tanto più vero quando si parla di qualcosa di semplice o di un ricordo, ed è molto usato dai bugiardi AUDITIVI.

ATTENZIONE: quando invece si racconta qualcosa di molto difficile, come esporre un teorema scientifico, è probabile che si facciano molte pause per costruire frasi più convincenti.

 

uomodonnaHai già scaricato il mio ebook gratuito sul linguaggio del corpo uomo-donna?
Fallo ora - CLICCA QUI -

- notare la lunghezza delle frasi
Quando si mente si tende a frammentare in poche parole per volta ciò che si dice, come se si cercasse di completare un puzzle in cui mancano dei pezzi – le bugie appunto.

 

- “calcare” alcune parole
Forzare il tono può indicare che c’è una certa tensione, indice di probabile bugia.
Ad esempio, una frase come “sono molto felice di essere qui” diventa “sono molto FELICE di essere qui”.
Il cambio di tono è rilevatore che qualcosa sulla parola “felice” non va come dovrebbe

Con le bugie si può andare avanti in tutto il mondo, ma non si può mai tornare indietro -… Condividi il Tweet

 

- lapsus freudiani
Dire una parola al posto di un’altra, in molti contesti è rivelatrice di cosa si pensa davvero

- notare la fluidità
Un discorso fluido e coerente è quasi sempre vero, mentre un discorso tentennante è spesso falso.

ATTENZIONE: molti segnali di questo tipo sono anche indici di tensione e imbarazzo, specie quando si parla di argomenti poco piacevoli

 

Corsi Linguaggio del corpo
Vuoi conoscere i segreti del linguaggio del corpo?

Partecipa al prossimo corso oppure chiama il numero verde 800 032 882

 

- chiedere a distanza di tempo di raccontare il fatto sospettato di bugia
Ci saranno molti elementi in contraddizione, tanto più se si tratta di un uomo – le donne sono più abili a mentire, e ricordano meglio a chi hanno detto cosa e perché.

pinocchio-595453__180- frasi come “a dire il vero”, “a esser sincero”, “onestamente”, “indubbiamente” indicano che fino a quel momento non si è stati del tutto sinceri e che c’è un serio motivo per dubitare

  • le parole “solo” e “solamente” servono per sminuire qualcosa di molto grave o importante.
    Quando le sentite è probabile che non vi abbiano detto tutta la verità

-ribadire con forza che si sta dicendo la verità, con frasi come: “fidati di me”, “non ho ragione di mentire/perché dovrei mentirti?”, “credi che farei una cosa simile?”, “non mi abbasserei mai a tanto”, “non sono quel tipo di persona”, “ma sa chi sono io?” (segue titoli vari come dott, ing, cav eccetera), utilizzare come testimone della sincerità qualcosa di sacro come:

  • Che Dio mi fulmini se mento
  • Giuro sulla tomba di mia madre/la testa di mio figlio
  • Dio mi è testimone
  • Giuro su Dio
  • Dio solo sa se mentirei su questo

  • rispondere a una domanda con: “non lo farei mai” vuol dire che, come possibilità, la si esclude NEL FUTURO.
    È un trucco dell’inconscio che, sentendosi alle strette, dice la verità.
    Ma lo fa in modo da far credere di averla sempre detta anche se non è vero

 

Mi racconti una fiaba? No, ti racconto una balla, così ti abitui - Altan Condividi il Tweet

– usare risposte come “non penserai mica che…” o “mi stai accusando di aver fatto questo?” sono usate per far leva sull’onestà DI CHI CHIEDE.

La persona che si difende, così facendo, non è costretta a negare il fatto – e quindi a tradirsi.

 

Cammina con una persona integerrima per un chilometro
e ti racconterà almeno sette bugie.

(Yamamoto Tsunetomo)

 

Per saperne di più ti consiglio il nostro prossimo corso sul linguaggio del corpo e le microespressioni facciali presso Formae Mentis group.
Per conoscere le prossime date, clicca qui sotto:

====> Corso Linguaggio del corpo <===

Alla prossima, stay Tuned!

 

TelegramBadge

 

 

Per approfondimenti consiglio il libro:

Acquista online

Prova a mentirmi

Prova a Mentirmi

Imparare il linguaggio del corpo per capire gli altri

Siamo tutti bravi a mentire, ma a nessuno piace essere ingannato. C’è chi mente per un proprio vantaggio personale, chi per coprire un errore, chi magari solo per il piacere di riuscire a prendere in giro gli altri e farla franca… Televisione, pubblicità, giornali e persino amici e parenti – per non parlare del partner – ci mentono di continuo.

Come capire se chi avete davanti vi sta raccontando la verità o l’ennesima bugia? Qui troverete tutto sulla comunicazione: da quella che si crea nell’ambiente di lavoro, a quella che si svolge tra uomini e donne. E imparerete a riconoscere le bugie e a relazionarvi agli altri nel modo migliore. Le illustrazioni vi mostreranno in modo chiaro e semplice come cogliere le più piccole differenze tra un bugiardo e una persona sincera attraverso le microespressioni presenti nel volto.

Attraverso la psicologia della menzogna, imparerete poi a gestire il vostro rapporto con chi mente e ad evitare che gli altri vi ingannino. Scoprirete come la comunicazione non verbale influisca sulla nostra vita, e come fare in modo che il vostro modo di esprimervi diventi efficace. Imparerete come funziona la cinesica, la scienza del singolo gesto, e come servirvene. Perché è tanto insopportabile che ci siano sconosciuti in ascensore e cosa genera il disagio. E come creare un feeling con le altre persone in pochi secondi.

Follow me

fabio Pandiscia

Dott. in Psicologia,Autore di vari libri sul linguaggio del corpo e PNL, Master Trainer PNL, Codificatore FACS, METT Advanced, Mix2, affiliato Humintell in Italia.
Fondatore di Formae Mentis Group
Follow me