Hai mai notato che le persone che vanno d’accordo si comportano in modo simile?

Questo modo d’agire vale per tutte le specie sociali, e in noi esseri umani è certe volte più accentuato.
Pensa ai gruppi di amici, se li osservi vedrai che camminano a una velocità simile, e spesso anche in modo simile.

girls-462072__180Assumono lo stesso ritmo, lo stesso linguaggio del corpo, a volte anche gli stessi abiti.

Per esempio i gruppi di giovani come i dark o i punk.
Negli anni ’80 la “divisa” diventava la carta d’identità, per cui si trovavano gruppi di metallari, paninari, skinhead e altre mode del genere.
Oltre alla “divisa”, anche il linguaggio e il modo di comportarsi era simile.

Quando qualcuno si comporta come noi, ci sentiamo simili a lui, e lo troviamo simpatico “a pelle”.
Questo perché, essendo animali sociali, ci basiamo per primo sull’aspetto e il modo di agire dell’altro per considerare le nostre reazioni.

Il conformismo, l’avere un modo di fare simile a quello altrui per essere accettati, quindi le cosiddette convenzioni sociali, sono la base del nostro sistema di relazione.

girl-753952__180Senza arrivare a tanto, possiamo notare come, quando due persone chiacchierano e vanno d’accordo, utilizzano una posizione simile, quasi fossero allo specchio.

Vuoi saperne di più sulla comunicazione non verbale? Iscriviti alla mia newsletter. Non sei ancora iscritto ?Allora clicca qui ===> Iscriviti alla Newsletter <===

 

L’eco gestuale 

 

Definiamo questo comportamento eco gestuale.
La nostra mente è predisposta, in poche parole, a fare quello che fanno gli altri che riteniamo simili a noi.

animal-339400__180Ecco anche perché, ad esempio, in tutti gli animali sociali lo sbadiglio è tanto contagioso!

Senza arrivare a tanto, possiamo notare come, quando due persone chiacchierano e vanno d’accordo, utilizzano una posizione simile, quasi fossero allo specchio.

Prova a guardare quando ci sono molte persone sedute, per esempio in una sala d’attesa: le donne vicine (soprattutto se amiche o conoscenti) avranno le gambe accavallate dallo stesso lato.

O magari due persone vicine avranno le braccia incrociate, e così via.

Questo è valido quando si condivide uno spazio, e diventa ancora più forte quando si discute e si parla.
Più i gesti diventano simili – la posizione del corpo, il ritmo del respiro, i modi di dire – più le due persone saranno in sintonia.

Ecco un ottimo e semplice modo di fare amicizia o legarti a qualcuno: usare la tecnica del ricalco.
Quando parli con qualcuno, prova a usare i suoi stessi gesti, adegua il tuo respiro al suo, la tua distanza alla sua e così via.

Solo respirando come l’altro ottieni un’intesa che prima non avevi, prova a farlo!

L’altra cosa è appunto il ricalco fisico, ovvero la postura e i gesti dell’altra persona.

Certo non devi prenderlo in giro, quindi evita di starnutire quando lo fa lui, di tossire insieme, di ricopiarne i tic.
Ma copia ogni altra cosa!

Sorridi insieme a lui, toccati dove lui si tocca, mantieni la postura del corpo.

Questo è molto efficace, e procura una simpatia istantanea e automatica, perché la parte più istintiva del cervello – che controlla il subconscio, ovvero il 90% di noi – reagisce sempre bene a chi ritiene simile.
Pensaci un attimo: i tuoi amici si vestono in modo simile al tuo?
Hanno gusti e maniere simili?

best-friends-329333__180Sono spericolati come te, o viceversa amanti delle serate tranquille in casa?
Non è un caso!

Tutti abbiamo amici “particolari”, che si discostano dai nostri canoni per qualcosa, ma nessuno di noi frequenta persone opposte.

Se siamo contro il razzismo e adoriamo il calcio, è facile che i nostri amici saranno come noi.
Quello che contano sono i valori che riteniamo importanti.
Tutte queste cose non possono risultare da una presentazione in 3 secondi, ma la loro idea sì!

Se ti si presenta un naziskin, rasato e con una svastica tatuata sulla fronte, ti sei già fatto un concetto molto preciso su di lui, anche se non ha ancora detto nulla.

Così, se a un colloquio di lavoro l’esaminando arriva in calzoncini da mare e infradito, avrà un preciso impatto, gli piaccia o meno.

 

Il segreto di un’ottima presentazione sta nell’attenzione che rivolgi all’altro, quindi è qui che dovrai fare più attenzione.

Molto spesso invece si fa l’esatto contrario, e il risultato è drammatico: c’è chi dimentica anche il nome dell’interlocutore!

Se sei tra questi, ecco un trucco che possiamo suggerirti per risolvere questo difetto.

 

 

TelegramBadge

 

Come ricordare il nome degli altri

Quel che conta, per il tuo cervello, è che l’evento sia legato a un’emozione di qualche tipo.
Prova a ricordare qualcosa che non ti ha lasciato alcun tipo di emozione.

Difficile vero?
Questo accade perché quando non si sfrutta le nostre capacità innate, dobbiamo cercare di andare contro il naturale meccanismo mentale e apprendere qualcosa che non ci interessa e non ci procura emozioni, come appunto ad esempio i re francesi del 1400, come si calcola un integrale e le funzioni cellulari.

Chi ricorda con precisione dopo decenni questi dati, lo fa perché ha associato ad essi una forte emozione.

uomodonnaHai già scaricato il mio ebook gratuito sul linguaggio del corpo uomo-donna?
Fallo ora - CLICCA QUI -

 

 

Ecco come generare un’emozione quando non c’è:

  • Per prima cosa, ascolta il nome dell’altra persona.
    Concentrati su questo suono, e se non l’hai capito (succede soprattutto con chi ha un nome straniero o particolare, come Gianantonio) fattelo ripetere
  • pensa a qualcuno che conosci con quel nome.
    Se non c’è nessuno, pensa a qualcuno di famoso che ce l’ha, o in alternativa a qualcosa che fa rima, o che assomiglia a quel nome (Massimo: qualcosa al massimo, come un motore che corre. Giovanni: una persona giovane. Carlo: un carro e così via. Fai una lista dei nomi più comuni, se la tua fantasia non è sviluppata)
  • immagina questa persona che fa qualcosa di orribile a quello con cui ti stai presentando. Sì: dev’essere una cosa orribile, perché il cervello ricorda le cose che colpiscono la mente, quindi è inutile pensare che il tuo amico Gianni sorride a questo nuovo Gianni.
    Se invece il tuo amico lo mette sotto con la macchina, e dopodiché torna indietro con la retromarcia per finirlo, è un’immagine che ti rimarrà impressa!

 

Fai una prova, e ti accorgerai che funziona benissimo.

 

Oltre a questo, ogni pochi istanti, nei primi minuti di conversazione, ripetiti l’immagine e il nome nella testa.
Dopo alcune volte (bastano anche 3 o 4, a seconda del nome e dell’immagine) il gioco è fatto.

Facendo dei corsi con decine di persone, questo sistema è ottimo per non fare figuracce.

La cosa interessante che abbiamo notato è che noi ricordiamo i nomi di 15-20 persone dopo che li abbiamo sentiti una volta, ma quasi nessuno ricorda i nostri nomi, eppure siamo i relatori del corso!

Ciò non avviene perché abbiamo nomi strani (Antonio e Fabio sono piuttosto comuni) ma perché, quando all’inizio del corso ci presentiamo tutti, sono tutti concentrati su sé stessi e sull’evitare brutte figure.

L’atteggiamento mentale in questo senso è molto importante: se per te una presentazione è un esame che potrebbe andar male e che ti condanna, allora sarà automatico che così sarà, per l’effetto Pigmalione.

Corsi Linguaggio del corpoI migliori corsi in Linguaggio del corpo e micro-espressioni facciali
li trovi solo presso FormaeMentis group.
Specialisti in linguaggio del corpo – Clicca qui – 

 

bannerFMSe vuoi approfondire l’argomento, ti aspetto al nostro prossimo corso sul linguaggio del corpo,
chiama gratis il numero verde 800 032 882 oppure scrivi a info@formaementis.net

Avrò il piacere di seguirti di persona durante tutto il percorso della durata di 2 giorni (full immersion), per questo ho scelto il numero chiuso, massimo 10 persone.

La rifrequenza è sempre gratuita – Attestato finale

Per qualsiasi domanda sul linguaggio del corpo usa il Forum che ho aperto sul mio sito aziendale formaementis - clicca qui - apri una discussione e cercherò di rispondere alla tue domande sulla comunicazione non verbale, entro poche ore.

 

 

I libri consigliati sono:

 

 

Acquista online

Costruisci il Tuo Successo M.A.D.E.

Contenuto del libro:

Se raggiungere i propri obiettivi sembra impossibile, un traguardo riservato a pochi “eletti” dotati di capacità speciali, questo è il libro giusto per cambiare idea.

Passo dopo passo, l’autore analizza i fattori che spingono le persone ad auto limitarsi: la paura di prendere decisioni, la convinzione – errata – che solo pochi possano ottenere quello che vogliono nella vita, la mancanza di organizzazione per raggiungere le proprie mete.

Con un percorso lineare e progressivo, l’autore spiega le teorie utilizzate nei suoi corsi permigliorare il rapporto con il nostro inconscio ed i reali desideri della nostra mente.

 


 

 

Acquista online

Comunicare con la PNL

Per avere successo nel lavoro con la PNL e le tecniche di comunicazione non verbale

Oggi si lavora freneticamente: con smart phone, e-mail, ipad e così via. Cresce la tecnologia, ma si riduce la capacità di comunicare! E così facendo si logorano i rapporti tra le persone, che finiscono per odiare il proprio mestiere e i propri colleghi.

Comunicare con la PNL vi insegnerà a comprendere gli altri per comunicare davvero e al meglio. Per avere successo nel vostro lavoro (e non solo).

Se migliora la comunicazione, migliorano le relazioni con gli altri. E se i rapporti con gli altri si sciolgono, si ottengono sia benefici diretti (come riuscire a lavorare meglio e di più, o ottenere aumenti di stipendio), sia benefici indiretti (ad esempio, si potrà godere della compagnia dei colleghi e vivere con più serenità).

Con questo libro:

  • potrete scoprire i sistemi più pratici e utili per capire i vostri colleghi, compresi quelli del sesso opposto;
  • riuscirete a interpretare il linguaggio del corpo e a presentarvi nel modo più corretto ed efficace;
  • imparerete a capire chi avete davanti – italiano o straniero che sia – per evitare gaffe e poter sfruttare meglio la situazione.